📁
Georgia
Georgia

Bagrationi

La famiglia reale di Georgia

Si narra che i Bagrationi discendano dal profeta Davide, la leggenda nata fin dall’alto medioevo ad opera del cronista Mosè di Khorene è curiosa.
Essa racconta di come, nel VI secolo Avanti Cristo, 7 fratelli cacciati dalla Palestina avessero trovato rifugio tra le montagne del Caucaso. Come Gesu’ Cristo questi 7 fratelli sarebbero appartenuti alla dinastia dei Re d’Israele. Tre di essi si sarebbero stabiliti in Armenia mentre gli altri quattro nella vicina Georgia e uno di questi ebbe un figlio, Bagrat, fondatore dell’omonima dinastia...
In ogni caso anche se i Bagrationi hanno dovuto rinunciare all’ascendenza biblica, essi restano comunque una della dinastie più antiche del mondo, in concorrenza con la dinastia Imperiale Giapponese.
Comunque gli specialisti non riescono ad accordarsi sulle loro reali origini: alcuni di loro affermano che il nome discende dall’antico persiano “Bagadata” cioè “donato da Dio”.
Già nel I secolo Avanti Cristo un certo Bagratades è vicerè di Siria sotto Tigrane il grande.
Nelle cronache il nome della dinastia Bagrationi appare nel 314 Dopo Cristo come quello di feudatari della regione di Speri, attuale Ispir, nella Turchia nord-orientale che in seguito governarono i principati di Samtzkhé e di Klajerti sotto la sovranità persiana, più tardi gli imperatori bizantini gli conferirono il titolo di “curopalates”. Nel V secolo i Bagrationi ricevettero il titolo di “thagadir” o “posa-corona” dei re Arsacidi d’Armenia.
In realtà la certezza dell’esistenza dei Bagrationi è provata solo a partire dall VIII secolo col declino del clan rivale dei Mamikonian: nel 772 dopo la vittoria musulmana di Bagrevand, uno di loro, certo Vassak figlio di Aschot III il cieco, principe d’Armenia, si stabilisce nei monti di Klarjeri dove sposa la figlia di un nobile locale.
Nell’813 suo nipote Aschot I si proclama principe d’Iberia -l’antico nome della Georgia-, con il sostegno di Costantinopoli. I suoi discendenti si divideranno in rami rivali tra loro finchè Adanassé II nell’888 restauro’ l’antico Regno di Georgia.
Mentre un ramo dei Bagrationi continuerà a governare l’Armenia fino al XII secolo, Bagrat III (1001-1014) completa l’unificazione del Regno conquistando l’Abkazia.
Nel corso dell’XI secolo essi mantengono una precaria indipendenza minacciati alle loro frontiere dai Bizantini e dai Turchi Selgiucidi.
L’età d’oro dei Bagrationi inizia con il regno di Davide IV il costruttore (1089-1125) che nel 1122 occupa Tbilissi e ne fa la sua capitale. L’Impero Georgiano si estende allora dal Caucaso all’Iran e verso l’Asia Minore. Il nipote di Davide, Giorgio III è il primo a portare il titolo persiano di Shahinshah – re dei re – nonchè dell’altro titolo altisonante di “padrone di tutto l’Occidente e l’Oriente”. Sua figlia Tamara (1160-1213) meriterà il titolo di “regina delle regine”, associata al trono dal padre all’età di 24 anni, bella e intelligente, Tamara eserciterà la sua autorità fino al Mar Caspio favorendo la creazione dell’Impero greco di Trebisonda.
Molto caritatevole essa dedicherà ai poveri un decimo delle entrate dello stato.
Si dice anche che essa avesse appetiti carnali insaziabili: la leggenda dice che ogni sera attitrava nel suo palazzo un giovane viandante e, dopo una notte d’amore, lo facesse gettare nelle gole del fiume Terek...
Sposando il principe di Ossezia, Davide Oslan - ritenuto d’ascendenza Bagrationi – Tamara diede origine a un nuovo ramo della dinastia georgiana.
Con le invasioni mongole il Caucaso inizia un inarrestabile declino: una delle province georgiane fa secessione e un ramo della famiglia instaura un un principato indipendente.
Dopo una breve parentesi sotto il regno di Giorgio V il brillante (1318-1346) la Georgia riprende il suo declino e all’inizio del XV secolo le truppe di Tamerlano mettono il paese a ferro e fuoco, devastando i santuari cristiani.
Sempre più divisa, nel 1490 la Georgia si scinde in tre regni indipendenti: la Karthlia, la Kakhezia e la Iremezia attorno ai quali gravitano una miriade di principati e ducati come la Mingrelia, la Guria, l’Abkazia e la Samtskhé.
Sia i persiani che i turchi effettuano incursioni e rapiscono donne georgiane che vengono vendute come schiave in tutto il mondo musulmano.
Malgrado questo sbriciolamento e guerre civili sanguinose il paese saprà preservare la sua identità, incarnata dalla famiglia Bagrationi con diversi suoi esponenti a capo dei regni principali.
Finalmente nel 1762 la Karthlia e la Kakhezia si liberano dalla tutela persiana e vengono unite dal re Eraclio II che nel 1783 si pone sotto la protezione dell’Impero Russo col trattato di Giorgievsk.
Nal 1798 alla sua morte, gli succede il figlio Giorgio XII che, debole e indeciso dovrà fronteggiare gli appetiti dello zar Paolo I il quale sancirà l’annessione dei due regni,
Il 18 dicembre 1800 confermata il 12 settembre 1801 dal figlio Alessandro.
Nel frattempo il reggente Davide, figlio di Giorgio XII tenta di resistere ma viene deportato in Russia con molti altri principi della sua famiglia. Dieci anni dopo anche il re d’Imerezia Salomone II, vassallo nominale dell’Impero Ottomano, viene detronizzato dal potente vicino ortodosso e da allora i Bagrationi saranno integrati nell’alta aristocrazia russa illustrandosi come militari, come l’eroico generale Piotr Bagrationi ferito mortalmente nel 1812 nella battaglia di Borodino contro Napoleone, o come Piotr Romanovic Bagrationi, governatore delle provincie baltiche e ingeniere metallurgico.
Dopo la rivoluzione d’Ottobre e l’instaurazione del potere sovietico in Georgia nel 1921, molti Bagrationi emigrano nell’Europa occidentale.
Uno di essi, il principe Irakli Bagrationi-Moukhransky (1909-1977) si proclama Capo della Casa Reale: dal suo primo matrimonio con la contessa romana Maria Antonietta Pasquini dei conti di Costafiorita nascerà a Roma un figlio Giorgio, la madre non sopravvisse al parto e morì dandolo alla luce il 22 febbraio 1944. Nel 1994 i resti di Irakli vennero trasferiti nella cattedrale di Svetitskhoveli, in Georgia.
La repubblica di Georgia riconosce ufficialmante il principe Giorgio come erede della dinastia storica, ma si dubita che presto salirà sul trono col nome di Giorgio XIII.
Una sorella di Irakli l’ultranovantenne granduchessa Leonida (nata nel 1914) sposò il granduca Vladimir Romanov (1917-1992) riconosciuto capo dalla Casa Imperiale Russa, la loro unica figlia Maria è attualmente uno dei pretendenti al Trono Imperiale.

Argomenti nella stessa categoria